Unité d'italien

Tommaso SALVATORE

Photo
M. Tommaso SALVATORE

Post-doctorant FNS

SO007
+41 22 379 71 30
Courriel


Curriculum vitae

Ha conseguito il Dottorato di ricerca in Italianistica all’Università di Salerno nel 2016, tutor Laura Paolino. La tesi presentata, dal titolo «La forma Malatesta e la forma Queriniana dei Rerum vulgarium fragmenta. Studio della tradizione manoscritta», ha ricevuto il Premio ‘Aldo Rossi’ della Fondazione Ezio Franceschini di Firenze.

È stato borsista di ricerca all’Accademia della Crusca e ‘Francis Yates’ fellowpresso il Warburg Institute, University of London. All’Università di Ginevra, come chargé d’enseignement suppléant, ha tenuto nell’A.A. 2018-19 l’insegnamento «Metodi e strumenti per l’analisi del testo letterario» (BA1).

Attualmente partecipa al progetto di ricerca «Le rime ‘disperse’ di Francesco Petrarca: l’altra faccia del Canzoniere», diretto da Roberto Leporatti e finanziato dal FNS, che mira all’edizione critica delle estravaganti petrarchesche. 

I suoi interessi di ricerca, prevalentemente rivolti ai processi di trasmissione testuale, hanno riguardato - oltre alla tradizione e alle redazioni dei Rvf- gli autografi del Boccaccio, i copisti di testi volgari, la ‘fortuna’ dantesca nelle arti visive del Rinascimento, la tradizione della Commediae la sua ricezione nell’editoria del XVI secolo.

 

PUBBLICAZIONI

  • Nuove ricognizioni sulle fonti manoscritte della «Commedia» della Crusca (1595), «Studi di filologia italiana», LXXVII, 2019, c.d.s.
  • Un consuntivo di studi benvenutiani 2016-17, «L’Alighieri», 51, 2018, pp. 129-144.
  • (con Paola Vecchi)Ex originali libro. Schede sul Canzoniere Casanatense, in L’attività filologica in Italia fra Quattro e Seicento, Atti del Convegno di studi, Roma, 30 maggio-1 giugno 2016, a c. di C. Caruso, E. Russo, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2018, pp. 133-165 [partic. il § 2, pp. 140-159].
  • Accertamenti sulle fonti manoscritte della «Commedia» della Crusca (1595), «Studi di filologia italiana», LXXV, 2017, pp. 5-82.
  • Un ‘Petrarca’ e un ‘Boccaccio’ per l'appassionato copista di professione (con una nota sull'adiaforia), inStoria, tradizione e critica dei testi. Per Giuliano Tanturli, a cura di I. Becherucci, C. Bianca, Lecce, Pensa Multimedia, 2017, pp. 197-217.
  • Ancora su Dante, Piero del Pugliese e Filippino Lippi, «Studi danteschi», LXXXI, 2016, pp. 357-68.
  • Una nota sulla storia dell'autografo Chigiano del Boccaccio, «Studi di filologia italiana», LXXIII, 2015, pp. 465-76.
  • Un manoscritto dantesco ‘nascosto’ in un dipinto di Filippino Lippi, «Medioevo e Rinascimento», XXIX, 2015, pp. 43-60.
  • Sondaggi sulla tradizione manoscritta della 'forma Chigi' (con incursioni pre-chigiane), «Studi petrarcheschi», XXVII, 2014, pp. 47-105.
  • Boccaccio editore di Petrarca (e Dante): il codice Chigi L V 176, «Misure critiche», XII/2-XIII/1, 2013-2014, pp. 62-86.
  • (Recensione) Domenico Pantone, Benvenuto da Imola dantista in progress: un'analisi genetica delComentum, Milano, LED, 2014, «L'Alighieri», 47, 2016, pp. 167-70.
  • (Recensione) Gianfranco Contini, Filologia, a cura di Lino Leonardi, Bologna, Il Mulino, 2014, «Studi e problemi di critica testuale», 92, 2016, pp. 312-17.
  • (Recensione) Grupo Tenzone, Le dolci rime d’amor ch’io solea, a cura di Rosario Scrimieri Martin, Madrid, Departemento de Filologìa Italiana (UCM) - Asociación Complutense de Dantologia, 2014, «Misure critiche», XIV/2, 2015, pp. 169-73.
  • (Recensione) Lorenzo Da Ponte, Lettere a Guglielmo Piatti (1826-1838). Livorno, Biblioteca Labronica Francesco Domenico Guerrazzi, edizione critica a cura di LAURA PAOLINO, Stony Brook (NY), Forum Italicum publishing, 2013, «Studi e problemi di critica testuale», 90, 2015, pp. 493-496.
  • (Recensione) Bonagiunta Orbicciani da Lucca, Rime, edizione critica e commento a cura di AldoMenichetti, Firenze, Sismel-Edizioni del Galluzzo, 2012, «Rivista di studi danteschi», XIV/1, 2014, pp. 191-94.

}  Collaboratore per recensioni della rivista «La Rassegna della letteratura italiana».


Collaborateurs